fb-pixel
Logo Supporthost

Consigli per scegliere il miglior hosting WordPress

25 Maggio 2023 / Pubblicato in:  da Maria Grazia Guzzo
Nessun commento

Hai difficoltà a scegliere il miglior hosting WordPress? Hai guardato diverse offerte, ma non sai come fare a capire qual è quello più adatto?

Con questa guida avrai un vero e proprio vademecum sulla scelta di un hosting per un sito WordPress. Parleremo di risorse, uptime, limiti nascosti, clausole e garanzie.

Alla fine della lettura saprai come scegliere il piano più adatto al tuo sito e in base a quali criteri selezionare un hosting WordPress sicuro.

Come Scegliere Miglior Hosting WordPress

Quale piano scegliere per un sito WordPress

La prima questione da affrontare quando si sceglie un hosting per WordPress è questa: quale piano mi serve?

Per capirlo, è necessario conoscere i diversi tipi di hosting.

La soluzione entry level adatta a tutte le nuove attività, come piccoli siti, blog e negozi online è l’hosting condiviso.

Con questo tipo di hosting le risorse sono in condivisione con gli altri siti ospitati sul server. Ha diversi vantaggi tra cui il fatto di essere una soluzione economica (stiamo parlando di 34€ all’anno) e la possibilità di avere WordPress preinstallato.

Per siti con più traffico o con esigenze particolari, si può invece partire proprio con un piano cloud. Ci sono soluzioni su misura come i nostri piani VPS cloud managed. In questo caso è una soluzione “win-win”:

Prova gratis e senza impegno uno dei nostri piani hosting per 14 giorni. Non è richiesto nessun dato di pagamento!

Prova gratis
  • hai tutta la potenza di un piano cloud compresa la ridondanza hardware e un uptime del 99,99%,
  • i piani sono facili da gestire per te perché puoi delegare tutta la gestione della macchina virtuale al provider.

Per finire ci sono i server dedicati, avere un server dedicato vuol dire avere a disposizione, appunto, l’intero server. Sono la soluzione ideale quando vuoi scegliere la configurazione software e hardware.

Come capisco qual è il piano adatto al mio sito WordPress?

Ecco alcune domande che possono aiutarti a capire qual è il piano migliore per il tuo sito WordPress.

Quante visite ti aspetti di ricevere ogni mese o ogni giorno? Più è alto il numero di visite contemporanee, più risorse ti serviranno.

Che tipo di sito vuoi creare? In base ai plugin che userai e a come è costruito il sito, potresti aver bisogno di più risorse.

Quanti siti vuoi ospitare su un solo account? Se vuoi associare più siti a un solo piano hosting, devi scegliere un piano che ti permetta di farlo. Queste soluzioni si chiamano hosting multidominio.

Hai bisogno di configurazioni particolari? In base alle tue esigenze potresti aver bisogno di un piano VPS cloud o un server dedicato se devi installare altri programmi che si interfacciano col tuo sito web.

Se hai già un sito e stai pensando di cambiare fornitore di servizi hosting, capire quale piano fa al caso tuo è più facile: ti basta usare come riferimento il piano che stai usando attualmente e le risorse che effettivamente utilizzi.

Hai dubbi su come scegliere il piano? Puoi contattarci e valuteremo insieme la soluzione più adatta al tuo sito.

Come valutare le risorse hardware in un hosting WordPress

In base alla tipologia di sito web che vuoi creare avrai bisogno di un piano diverso. Come abbiamo visto la prima cosa da fare è capire che tipo di hosting scegliere per il nostro sito WordPress.

Per ogni tipologia di servizio per esempio un hosting condiviso o un hosting WordPress, troverai diversi piani. I piani hosting possono differire per:

  • risorse hardware,
  • funzioni offerte.

Torneremo a parlare delle funzioni nel dettaglio nei prossimi capitoli, per adesso, perciò, concentriamoci solo sulle risorse.

Quando si parla di risorse hardware ci si riferisce alle componenti tecniche del server su cui è ospitato il tuo sito web.

Server

Bisogna però ovviamente fare una distinzione:

  • con i server dedicati, tutte le risorse del server sono riservate al tuo sito o ai tuoi siti;
  • con gli altri piani, le risorse riservate a te variano.

Per capire quale hosting scegliere per WordPress, bisogna quindi avere almeno un’idea generale di cosa rappresentano le componenti hardware. Vediamole perciò brevemente.

RAM, CPU e larghezza di banda

La CPU viene indicata come percentuale o come numero di core. Potresti quindi vedere tra le risorse qualcosa di questo tipo:

  • 100% CPU
  • 1 core
  • 1 CPU.

La CPU serve ad elaborare le informazioni e gestire il carico di lavoro del server. Avere più CPU a disposizione significa che il server impiega meno tempo ad eseguire i calcoli e può gestire più operazioni allo stesso tempo.

Facendo un esempio: un piano con 2 core potrà compiere all’incirca il doppio delle operazioni rispetto ad un piano con un sole core. In parole semplici se hai un sito WordPress con molti visitatori nello stesso momento sarà più indicato usare un piano con più CPU.

La RAM è la cosiddetta memoria volatile o di lavoro e si misura in GB. Ti capiterà quindi di leggere tra le risorse:

  • 1 GB di RAM
  • 1 GB di memoria.

La RAM viene utilizzata dal server per accedere ai dati più velocemente rispetto a doverli richiamare dall’hard disk. Avere più memoria a disposizione significa poter caricare le risorse più rapidamente.

Di fatto la RAM influenza la velocità di caricamento delle pagine e completamento delle operazioni. Anche in questo caso più traffico ti aspetti di avere sul tuo sito WordPress, più RAM sarà necessaria per garantire ai visitatori un’esperienza di navigazione fluida.

In conclusione: quanta CPU e RAM mi servono per un sito WordPress?

Se prendiamo in considerazione i requisiti minimi di WordPress abbiamo:

  • processore da 1 GHz
  • 512 MB di RAM.

Questo significa che idealmente qualsiasi piano con 512 MB di RAM e anche un solo core è sufficiente a far funzionare WordPress.

È importante però sapere che le risorse effettive richieste dal sito dipendono dal traffico e da come è stato costruito il sito.

Per darti una stima in base al traffico, prendiamo come esempio il piano WordPress 1 di SupportHost: con 2 CPU e 2 GB di RAM il tuo sito può sostenere 10.000 visite mensili.

Devi però considerare anche la larghezza di banda a disposizione. La larghezza di banda viene indicata in GB (o TB) e viene chiamata anche traffico (nella maggior parte dei casi calcolato su base mensile). Essa indica propria la quantità di dati che potranno essere trasferiti.

In base al piano che scegli potresti avere un limite sul traffico mensile e quindi un certo quantitativo di banda oppure un piano senza limiti. Con i piani WordPress di SupportHost hai traffico mensile (banda) illimitato.

Spazio su disco

Lo spazio riservato a un piano hosting è la quantità di spazio che puoi occupare con i file del sito.

I file di WordPress, i plugin, i temi, così come i file media che carichi sul sito occupano spazio. In genere la maggior parte dello spazio è occupata proprio da immagini e video che caricherai sul sito.

Spazio Su Disco

Lo spazio sul disco si misura in GB. Per assicurarti di scegliere il miglior hosting WordPress per il tuo sito, non devi solo considerare lo spazio a disposizione, ma trovare la risposta ad altre due domande:

  • C’è un limite di inode?
  • Lo spazio su disco sarà su SSD o HDD?

Spazio su disco e limiti di inode

Nella pratica un inode è un file, se c’è un limite di inode vuol dire che hai un limite massimo di file che puoi memorizzare.

Facciamo un esempio pratico. Scegli un piano hosting che ha 20 GB di spazio e 200.000 inode massimi.

In questo caso non hai solo il limite di spazio complessivo, ma anche un numero massimo di file. Questo significa che non puoi superare il numero massimo di file anche se sei ancora nel limite dei 20 GB.

Quali sono le soluzioni?

  1. Puoi scegliere un piano che abbia un limite di inode abbastanza elevato e che quindi non costituirà mai un problema.
  2. Puoi scegliere un piano senza limiti di inode. Ad esempio su SupportHost non abbiamo limiti di inode su nessun piano.

Spazio su disco: SSD o HDD?

Un fattore importante da considerare in un piano hosting per WordPress è il tipo di hard disk utilizzato.

Di fatto la maggior parte dei provider di hosting ad oggi offre soluzioni che utilizzano i più moderni SSD, ma questo non è sempre scontato.

Il consiglio quindi è quello di assicurarti che lo spazio del tuo piano hosting sia su SSD, in questo modo avrai:

  • maggiore velocità (gli SSD possono arrivare ad essere anche 100 volte più veloci di un hard disk meccanico);
  • maggiore affidabilità.

Come capisco se il piano è adatto a WordPress? Quali sono i requisiti?

Finora abbiamo parlato di requisiti hardware. Ma ci sono delle caratteristiche specifiche da ricercare quando si tratta di scegliere un hosting adatto a un sito WordPress?

Sì.

WordPress, così come tutti gli altri software, ha dei requisiti minimi per funzionare. Abbiamo visto prima qual è la RAM minima e che requisiti ci sono per il processore, passiamo ora alle altre caratteristiche.

Database

WordPress ha bisogno di una database per funzionare.

I requisiti minimi sono:

  • MySQL 5.7 o MariaDB 10.3.

Di fatto i contenuti degli articoli, le password, i nomi utente e molte altre informazioni necessarie al funzionamento di un sito WordPress sono memorizzate proprio nel database.

Nel video che segue puoi vedere come vengono memorizzati i dati nel database.

Versione PHP

Per il funzionamento di WordPress è raccomandata una versione di PHP superiore a 7.4.

È importante sapere che WordPress può funzionare anche con versione di PHP precedenti (per esempio PHP 5.6), ma che per questioni di sicurezza è meglio aggiornare alla versione più recente e raccomandata.

La versione di PHP viene installata sul server, ed è quindi il provider a rendere disponibili le versioni man mano che vengono rilasciate.

Il consiglio da seguire per scegliere un ottimo hosting per WordPress è di fare un controllo:

  • assicurati che sia disponibile la versione PHP più recente (al momento la 8.2);
  • controlla se puoi cambiare manualmente la versione in uso (ti sarà utile nel caso di problemi di compatibilità).

Con SupportHost puoi cambiare la versione PHP con un semplice click dal pannello di controllo. Inoltre avrai sempre a disposizione la versione più recente.

Web server

WordPress è compatibile con tutti i web server a patto che ci siano i requisiti per il database e la versione PHP come abbiamo appena visto.

Ad ogni modo i web server raccomandati sono Apache e Nginx.

Su SupportHost usiamo Apache e per maggiori performance LiteSpeed.

Quali caratteristiche cercare nel servizio di hosting

Le risorse hardware non sono l’unico modo per valutare un hosting WordPress adatto alle tue esigenze.

Ci sono anche altri fattori che dovresti tenere in considerazione.

Affidabilità, sicurezza, supporto e velocità sono caratteristiche indispensabili se vuoi dare valore al progetto che stai creando.

In aggiunta potresti aver bisogno di funzionalità specifiche per WordPress e funzioni aggiuntive per la tua attività come un servizio hosting per le email.

Vediamo perciò come valutare queste caratteristiche.

Affidabilità

Se vuoi trovare il miglior hosting per WordPress, è indispensabile considerare le garanzie offerte dal provider.

Per prima cosa dovresti verificare le condizioni in termini di garanzie sul servizio offerto.

Come proprietario, vorrai che il tuo sito sia sempre accessibile. Ritrovarsi improvvisamente con il sito offline può rappresentare per te un enorme rischio in termini di danno d’immagine e una vera e propria perdita economica.

Una delle tue priorità dovrebbe essere cercare un hosting che sia il più affidabile possibile.

Nella maggior parte delle offerte di hosting vedrai menzionato l’uptime.

L’uptime nella pratica è il tempo di attività del sito e viene espresso in percentuale. In poche parole l’uptime deve avvicinarsi il più possibile al 100%. Tieni conto che non può mai essere del 100%.

Non ti fermare solo alle offerte di hosting che pubblicizzano la presenza di un uptime del 99,9%, ma leggi bene le condizioni per capire se c’è una reale garanzia.

Se vuoi un servizio affidabile ti conviene scegliere un provider che offra chiaramente un uptime garantito superiore al 99%.

Su SupportHost ad esempio garantiamo un uptime del 99,90% con i piani WordPress. Se hai un sito ad alto traffico puoi scegliere un piano VPS cloud gestito e avere la garanzia di un uptime dell’infrastruttura cloud pari al 99,99%.

Avere l’uptime garantito nel nostro caso significa anche che hai diritto al rimborso nel caso in cui ci siano problemi.

Da SupportHost puoi trovare uno dei migliori hosting per WordPress in termini di affidabilità: per assicurare un servizio senza interruzioni nei nostri datacenter è garantita la ridondanza elettrica e di rete.

Sicurezza

Quando scegli un fornitore di hosting dovresti puntare su chi può offrirti alti standard di sicurezza.

Le misure per mettere in sicurezza un sito WordPress partono proprio dall’hosting e non possono essere rimpiazzate da nessun plugin di sicurezza.

Alcune caratteristiche da cercare in un hosting sicuro sono:

  • firewall affidabili,
  • protezione da attacchi DDoS,
  • antivirus e antimalware,
  • monitoraggio pro-attivo.

Oltre a mettere al primo posto la sicurezza del sito con misure di prevenzione, un servizio di hosting eccellente per un sito WordPress dovrebbe anche:

  • includere backup automatici;
  • offrire un certificato SSL gratuito.

I backup ti permettono, infatti, di recuperare il sito nel caso in cui ci siano problemi. I rischi possono andare da un errore di progettazione del sito a un attacco hacker. Qualsiasi sia il problema, avere un backup è sempre essenziale.

Il certificato SSL è indispensabile per utilizzare il protocollo HTTPS sul tuo sito. È possibile anche registrarsi a un servizio che fornisce certificati SSL gratuiti e installarlo in autonomia, ma la soluzione più semplice e sicura è quella di scegliere un hosting che includa il certificato SSL.

Supporthost Https Badge

Quando scegli un hosting per WordPress conviene chiedere al fornitore come viene gestito il certificato. In alcuni casi, infatti, il certificato SSL è incluso, ma devi poi provvedere manualmente al rinnovo dopo che scade. In altri, il certificato SSL è valido per un solo dominio e non copre i sottodomini.

Su SupportHost, invece, il certificato SSL è incluso con tutti i piani, anche gli hosting condivisi. Il nostro certificato SSL fornito da Let’s Encrypt funziona così:

  • si attiva in automatico dopo che hai attivato il piano hosting;
  • si rinnova in automatico, non c’è bisogno di fare nessuna operazione manuale dal pannello di controllo;
  • è valido anche per i sottodomini.

Velocità

Perché è importante che un sito sia veloce? Ti do due buone ragioni:

  • un sito veloce è più apprezzato dalle persone che lo visitano;
  • la velocità è tra i fattori di ranking e può quindi influenzare (insieme a tanti altri fattori) il posizionamento sui motori di ricerca.

Proprio come la sicurezza, anche al velocità di un sito WordPress può dipendere da diversi fattori. Il tempo di caricamento delle tue pagine web non dipende solo dall’hosting che scegli, ma dovresti comunque fare attenzione nella scelta.

Ecco quindi quali caratteristiche valutare per scegliere un hosting veloce per WordPress:

  • presenza di dischi SSD;
  • larghezza di banda illimitata (o almeno sufficiente);
  • posizione dei server;
  • presenza di un sistema di cache lato server.

Dischi SSD

Come ti ho anticipato anche prima, quando scegli un piano hosting per WordPress, è meglio preferire un hosting SSD.

Prova gratis e senza impegno uno dei nostri piani hosting per 14 giorni. Non è richiesto nessun dato di pagamento!

Prova gratis

In termini di performance e di affidabilità i dischi SSD sono superiori agli hard disk tradizionali (HDD o dischi meccanici).

Larghezza di banda

Trattandosi di una caratteristica dell’infrastruttura, abbiamo già parlato di larghezza di banda. In alcuni casi in base al piano troverai larghezza di banda illimitata (o vedrai la dicitura unmetered), in altri potrebbe essere limitata.

Nella pratica il traffico che il tuo sito può sostenere dipende anche dalla larghezza di banda. Se non è sufficiente dovrai passare a un piano superiore.

Posizione dei server

Anche la posizione fisica dei server è un fattore importante. Stiamo parlando della località in cui sono posizionati fisicamente i server su cui è ospitato il sito.

In base al fornitore di hosting a cui ti affidi potrai avere la possibilità di scegliere la posizione del server. In questi casi dovresti scegliere in base alla posizione degli utenti che visitano il tuo sito.

Posizione Dei Server

Facciamo un esempio pratico: se il tuo sito è visitato perlopiù da italiani, un server posizionato in Germania è da preferire a un server negli Stati Uniti.

Nel caso in cui i visitatori del tuo sito provengono da diversi paesi, puoi considerare se è il caso di utilizzare una CDN.

In poche parole si tratta di una rete di distribuzione dei contenuti che crea memorizza nella cache una copia del tuo sito. Queste copie cache del sito vengono quindi conservate in server distribuiti in diverse aree geografiche. Quando una persona visita il tuo sito, invece, di inviare la richiesta al server su cui è ospitato il sito, riceverà la copia del sito servita dal server più vicino appartenente alla CDN.

Quando scegli un hosting puoi vedere se è inclusa una funzione di CDN nel tuo piano. Con SupportHost puoi utilizzare la CDN di Cloudflare. Puoi anche richiedere al nostro team di supporto l’attivazione della CDN con un pagamento una tantum: in questo modo configureremo il servizio per te.

Cache lato server

Un altro metodo per ridurre il tempo di caricamento delle pagine del tuo sito WordPress è usare un sistema di cache.

Con WordPress hai diverse possibilità:

  • usare un plugin di cache;
  • usare un sistema di cache lato server.

Laddove presente, il secondo sistema è preferibile, poiché la cache lato server è sempre più efficiente.

Le soluzioni hosting di SupportHost hanno di base dei sistemi di cache integrati: Memcached e Opcache.

Inoltre puoi scegliere un piano hosting con LiteSpeed e utilizzare il plugin per WordPress LSCache.

In questo modo hai un sistema di cache creata a livello di server e puoi sfruttare il sistema ESI per sfruttare la cache anche su un sito eCommerce, ad esempio un negozio online creato con WooCommerce. Su SupportHost mettiamo a disposizione LiteSpeed su tutti gli hosting per WooCommerce.

Supporto

Un altro criterio da prendere in seria considerazione nella scelta di un hosting per WordPress è il supporto.

Se hai un qualsiasi problema con il sito, difficoltà ad accedere ai file, associare un dominio o a compiere qualsiasi altra operazione, vorrai senza dubbio trovare dall’altra parte dei tecnici esperti che sappiano aiutarti.

Supporto H24

Dal reparto tecnico di un hosting affidabile dovresti ricevere:

  • assistenza disponibile h24 con tempi di risposta rapidi;
  • soluzioni concrete ai tuoi problemi fornite da persone con competenze tecniche e con reale esperienza con i siti WordPress.

Ecco alcuni suggerimenti che ti possono aiutare a valutare il supporto tecnico offerto dall’hosting.

Controlla se è disponibile il supporto nella tua lingua o almeno in una lingua che conosci a sufficienza. Quando c’è da spiegare un problema con una certa urgenza è importante essere sicuri che la comunicazione sia chiara per non perdere tempo inutilmente.

Leggi le recensioni di altri utenti. Fai una ricerca specifica sui siti di recensione dei servizi di hosting (per esempio Trustpilot) e vedi cosa dicono gli utenti che stanno già usando il servizio e se sono soddisfatti dell’assistenza ricevuta.

Recensioni

Controlla le clausole. Alcuni provider forniscono un grado di supporto diverso in base al piano e ti offrono assistenza “premium” solo con i piani più costosi. Di conseguenza se hai un piano più economico rischi di non ricevere l’attenzione adeguata, ma solo risposte concise e poco utili.

Vedi se ci sono garanzie. I provider fondati sul supporto, come SupportHost, offrono garanzie sui tempi di risposta, questo ti dà la certezza che le tue richieste riceveranno una risposta in tempi brevi.

Funzionalità utili per il sito

Un servizio di hosting può fornirti la soluzione per ospitare il tuo sito, ma il miglior servizio di hosting per WordPress dovrebbe offrirti molto di più.

In questo capitolo vediamo una panoramica delle funzionalità aggiuntive che dovresti cercare in un servizio di hosting tra cui anche strumenti su misura per WordPress.

WP-CLI e altri strumenti per WordPress

WordPress è un CMS per creare siti web ed è, al tempo stesso, facile da usare e ricco di risorse.

Per semplificare alcuni task tra cui ad esempio gli aggiornamenti dei plugin, puoi anche decidere di gestire la tua installazione da linea di comando. WP-CLI ti permette di fare proprio questo: gestire interamente il tuo sito WordPress da terminale.

Dal lato tecnico WP-CLI è un programma che deve essere installato sul server, per cui se non hai una tua VPS o un server dedicato, devi scegliere una soluzione hosting che lo preveda.

Terminale

Visto che si tratta di uno degli strumenti di gestione più utili per un sito WordPress, su SupportHost abbiamo deciso di offrirlo gratuitamente a tutti i nostri clienti ed è infatti installato su tutti i nostri server.

Un’altra funzione utilissima nello sviluppo dei siti WordPress è la possibilità di creare uno staging.

Se non sai cos’è, ti spiego molto semplicemente a cosa serve. Lo staging è come una copia del sito che crei solo a scopo di test. Puoi usarla per installare un nuovo tema, testare una versione diversa di PHP o aggiornare un plugin. Essendo un’installazione separata, le modifiche che fai e che possono causare errori, non andranno a compromettere il sito pubblicato.

Nella pratica ti permette quindi di provare in un ambiente sicuro delle modifiche o dei miglioramenti senza rischiare di fare danni al sito pubblicato. Dopo aver verificato che tutto funzioni a dovere, puoi applicare queste modifiche al sito rapidamente.

Con SupportHost non devi pagare nessun extra per avere un ambiente di staging. Con tutti i piani la funzione è inclusa e gratuita.

Purtroppo la funzione di staging non è prevista con tutti gli hosting, ma trattandosi di una funzione davvero utile, ti suggeriamo di scegliere un piano che la includa.

Email hosting

La maggior parte dei proprietari di siti web ha bisogno anche di creare uno o più account email. I servizi di hosting, a differenza dei servizi di email generici come Gmail, ti permettono di creare degli indirizzi email associati al tuo dominio.

Per esempio se hai registrato un dominio con il nome della tua azienda, potrai creare un indirizzo email come: [email protected].

Email

Devi però considerare che il servizio email non è incluso con tutti gli hosting per WordPress. In alcuni casi devi acquistare il servizio email separatamente, in altri devi rivolgerti ad aziende esterne per inviare e ricevere le email.

Con SupportHost l’hosting delle email è incluso nei piani ed è gratuito. In aggiunta se hai necessità specifiche come l’invio di email massive o di newsletter puoi aggiungere al tuo piano hosting anche il servizio SMTP dedicato.

Associare più siti web

Devi sapere che in base al piano hosting che scegli potresti avere dei limiti sul numero di siti. In genere gli account hosting condivisi e i piani più economici sono per singolo dominio, il che significa che non potrai associare altri domini internet al tuo spazio hosting.

Se hai questa necessità, devi guardare tra le offerte di hosting multidominio o spazio web frazionabile. Puoi anche verificare che nella pagina del piano ci sia scritto il numero di domini aggiuntivi che puoi associare al piano.

Nel caso specifico di WordPress potresti usare un piano multidominio per creare più siti WordPress ognuno con il proprio dominio e mantenerli separati. Oppure potresti creare una rete di siti con WordPress multisite e gestire tutti i tuoi siti da un solo pannello.

Su SupportHost abbiamo diverse soluzioni multidominio tra cui il piano WordPress 4 e i piani hosting semidedicato.

Le nostre soluzioni multidominio prevedono domini illimitati, il che significa che potrai associare quanti domini vuoi, dovrai solo assicurarti che le risorse siano sufficienti per garantire il corretto funzionamento di tutti i tuoi siti. In altri casi con altri fornitori potresti trovare un limite massimo al numero di siti che puoi associare all’account.

Tipo di accesso al server

Quando scegli un hosting per WordPress, vale la pena anche considerare che metodi di accesso ai file ti verranno messi a disposizione.

Nella maggior parte dei casi avrai un pannello di controllo, come ad esempio cPanel, che integra un file manager. Il file manager ti permette di accedere ai file del tuo sito, modificarli e crearne delle copie, così come caricare file aggiuntivi per esempio i file zip di un plugin.

File Manager Cpanel

Tuttavia ci sono anche altri sistemi che possono essere più comodi o immediati per accedere ai tuoi file. In base al piano che sceglie e al fornitore puoi avere la possibilità di collegarti al server via FTP (e SFTP) e via SSH.

Avere a disposizione questo tipo di accesso al server, per esempio la connessione SSH, è molto utile in diverse occasioni, sia per gestire il sito che per risolvere eventuali problemi.

Sistemi di analisi e gestione delle risorse

Tra le opzioni utili ma non sempre presenti ci sono i rapporti sull’utilizzo delle risorse. Un servizio di hosting ottimo per WordPress ti metterà a disposizione degli strumenti utili per capire se ci sono stati picchi di utilizzo delle risorse e dei log degli errori per capire se ci sono problemi sul tuo sito.

Uno dei problemi comuni che puoi riscontrare quando acquisti un piano hosting è ricevere un blocco per uso eccessivo di risorse. Quando questo succede in genere l’hosting ti avvisa via email e hai diverse opzioni:

  • capire se il problema è dovuto a un errore di programmazione e risolvere,
  • se, invece, il tuo sito ha davvero bisogno di più risorse, puoi passare a un piano superiore.

In questi casi può essere estremamente utile poter vedere i consumi in tempo reale del tuo account per capire quali risorse non sono sufficienti.

Cpanel Uso Risorse

In quest’ottica vale la pena quindi indagare a priori quando si sta scegliendo un hosting per WordPress in modo da capire:

  • se il provider indica chiaramente i limiti del piano hosting (quantità di risorse, eventuali limiti sul numero di processi, ecc.);
  • se dopo aver acquistato il piano potrai monitorare l’uso delle risorse.

Una volta capito quali sono i limiti vale la pena anche chiedersi come vengono gestite le risorse.

Possiamo riconoscere due situazioni generali:

  1. Le risorse sono monitorate in tempo reale. Questa è la situazione ideale, se superi i limiti, l’account viene bloccato per breve tempo poiché, appena la situazione si stabilizza, il sito torna subito operativo. Questo ti permette di ridurre i disservizi quando hai i picchi di visite ed è il sistema che usiamo nei piani condivisi di SupportHost.
  2. Si attiva un blocco per un tempo prefissato. In questa situazione, se superi i limiti, l’account viene sospeso per un tot di tempo, per esempio un’ora. Questo vuol dire che per tutto il periodo del blocco il tuo sito non è accessibile. Una possibile soluzione in questo caso è contattare il supporto del provider per capire se è possibile disattivare il blocco prima.

Assistenza alla migrazione

Se hai già un sito WordPress e vuoi cambiare hosting, quando scegli il nuovo provider a cui affidarti vale la pena capire prima se avrai aiuto con il trasferimento del sito.

Ad esempio se passi a SupportHost la migrazione è gratuita e puoi affidarla completamente a noi.

Puoi concordare il trasferimento con il nostro team di esperti. Questo ti dà modo di scegliere il momento più opportuno per lo spostamento ed è la soluzione più semplice se non hai conoscenze tecniche perché non rischi di fare errori.

In alcuni casi i provider non offrono la migrazione oppure ti forniscono un plugin, in entrambi i casi quindi devi trasferire il sito da solo o delegare a un professionista.

Hosting WordPress da evitare: a cosa fare attenzione nella scelta

In questo capitolo conclusivo vorrei spendere due parole sui servizi hosting da evitare.

Abbiamo visto tutta una serie di caratteristiche indispensabili che dovresti ricercare nel miglior hosting WordPress, ma ora voglio aiutarti a capire come evitare di incappare in un servizio hosting pessimo.

Assenza di prova gratuita o garanzia soddisfatti o rimborsati

Le offerte di hosting sono molto variegate. Allora come si fa a capire quale hosting scegliere per WordPress?

La prima cosa che puoi fare è vedere se c’è un piano di prova senza impegno. In alternativa assicurati almeno che ci sia una garanzia soddisfatti o rimborsati. In genere il tempo standard è di 30 giorni, anche se ci sono provider che offrono la garanzia per meno giorni (14 o 7).

L’unico modo per capire se il servizio offerto è davvero come viene descritto, è provarlo. Da SupportHost lo sappiamo e per questo mettiamo a disposizione un piano trial gratuito. Funziona così:

  • ti registri, è una semplice registrazione perché il piano non può essere attivato più volte dalla stessa persona, non richiede nessuna informazione di pagamento;
  • provi il tuo piano per 14 giorni;
  • al termine il piano scade, quindi non devi ricordarti di disattivarlo.

Il servizio non è limitato, quindi se attivi un piano hosting WordPress, puoi provare esattamente quello che avrai attivando un piano a pagamento.

Ecco un video che puoi seguire per provare un hosting in soli 5 minuti:

Perché mettere a disposizione un piano trial quando quasi nessun altro provider lo fa?

La risposta è semplice, crediamo davvero nel servizio che offriamo e vogliamo dartene prova.

Se l’hosting a cui vorresti affidarti non mette a disposizione un piano in prova, come dicevamo prima, ti conviene verificare le clausole sulla garanzia soddisfatti o rimborsati. In questo modo puoi sempre disdire nel caso di problemi.

Contratti restrittivi e lunghi

Per lo stesso motivo per cui è bene controllare che ci siano garanzie per il rimborso, dovresti evitare quegli hosting che ti obbligano a sottoscrivere un contratto eccessivamente lungo.

Ogni provider ha le sue politiche, ma in genere per un hosting WordPress il periodo minimo del contratto è di un anno.

I contratti che durano più a lungo hanno vantaggi e svantaggi.

Punto a favore: se acquisti un piano per un periodo più lungo, ti viene in genere applicato uno sconto e quindi hai un costo al mese inferiore.

Punto a sfavore: se cambi idea, sei costretto ad aspettare la fine del contratto per poter cambiare hosting oppure devi pagare due servizi.

Limitazioni e altre clausole

Una delle cose più difficili da scovare quando si sta scegliendo un hosting per WordPress è la presenza di limiti.

Da una parte ci sono i limiti sulle risorse di cui abbiamo già parlato in questa sede.

Queste però non sono le uniche restrizioni, in base al provider che scegli potresti ritrovarti con un sito WordPress in cui non puoi installare determinati plugin.

Ci sono diversi fornitori che hanno delle liste di plugin vietati che non potrai utilizzare.

Conviene quindi leggere bene tutte le clausole per fare una scelta più consapevole.

Piani gratuiti o eccessivamente economici

Se vuoi creare un sito WordPress, 99 volte su 100, un hosting gratuito non è una scelta adeguata. Abbiamo parlato estensivamente degli hosting WordPress gratuiti, di quando convengono e di quando evitarli.

Un altro specchietto per le allodole è dato dai piani hosting low cost a prezzi troppo economici.

Se vedi un’offerta di hosting per WordPress che ha prezzi totalmente fuori dalla media del mercato, allora è il caso di aprire bene gli occhi e cercare dove sta l’inghippo.

È un piano condiviso in cui non sono indicate le risorse? Potrebbe essere un caso di overselling: il fornitore vende più piani di quanti realmente ne può sostenere il server. Il risultato è che le prestazioni saranno pessime e potrai avere gli stessi problemi di un hosting gratuito.

L’offerta è introduttiva e poi il costo aumenta al rinnovo? Dovresti sempre verificare il prezzo effettivo al rinnovo per non avere brutte sorprese. Non è raro trovare piani che hanno uno sconto elevato per il primo acquisto e che poi triplicano o aumentano ancora di più quando il costo diventa quello regolare.

Il costo non include funzioni essenziali? Alcune volte viene mostrato il costo del piano senza servizi importanti come i backup o i database. Dopo che avrai aggiunto tutti gli addon che ti servono spesso il prezzo non sarà più così allettante.

Prova gratis e senza impegno uno dei nostri piani hosting per 14 giorni. Non è richiesto nessun dato di pagamento!

Prova gratis

Conclusioni

Scegliere un hosting per WordPress con tutte le offerte e le opzioni che ci sono non è per niente facile. Ci sono molti fattori da prendere in considerazione sia per trovare il piano adatto in base al sito e sia per valutare il servizio di hosting.

Tenendo a mente i suggerimenti che hai appena letto, il processo di scelta tra diversi provider di servizi hosting dovrebbe essere molto più semplice.

Questa guida ti è stata utile per trovare il piano hosting per il tuo sito? Hai altre domande? Facci sapere con un commento.

immagine autore

Maria Grazia Guzzo

Unisce la sua passione per la scrittura e la tecnologia per creare guide approfondite e di facile comprensione. Crede nei contenuti zero fuffa, scritti da e per le persone.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

chevron-down