fb-pixel
Logo Supporthost
Log in

MX secondario: pro e contro

Luglio 5, 2021 / Pubblicato in:  da Ivan Messina
Nessun commento

Scopriamo a cosa serve un MX secondario e perché è importante non farsi trovare impreparati se il server di posta elettronica va offline.

Vedremo come funziona l’invio delle email, cos’è un record MX e a cosa serve averne più di uno. Poi analizzeremo anche i possibili svantaggi del servizio e se sia possibile o no arginarli.

Cos’è un record MX?

MX è l’abbreviazione di Mail Exchanger. Ma che cos’è un record MX?

Un record MX è un record DNS che punta al server email che si occupa della gestione della posta ed è associato a un determinato dominio. In assenza di record MX, qualora quindi non venisse configurato, sarebbe possibile inviare comunque le email, ma non riceverle.

Mx Secondario Pro E Contro

Ogni record MX riporta delle informazioni essenziali:

  • il nome del dominio
  • il server di posta
  • la priorità.

Per capire quale ruolo rivestono i record MX vediamo come funziona il processo di invio di un’email.

Cosa succede quando viene inviata un’email?

Devi sapere che all’invio dell’email prendono parte diverse figure.

Il primo ad essere interpellato è il client email, ovvero il Mail User Agent (MUA) attraverso cui l’email viene inviata. Il Mail User Agent si collega al server di invio, utilizzando il protocollo SMTP.

Il passaggio successivo richiede l’intervento del Mail Transfer Agent (MTA), ovvero, il programma che dovrà mettersi in contatto con il server di destinazione. Giunto a destinazione, il messaggio passa quindi al Mail Delivery Agent (MDA) che gli permette di arrivare alla casella di posta del destinatario.

Email

Il server deputato all’invio deve interrogare il DNS del dominio a cui è destinata l’email per ottenere l’indirizzo IP e poter recapitare l’email. La risoluzione dell’indirizzo IP viene portata a termine proprio grazie ai record MX.

Risolvere un indirizzo IP non significa altro che tradurre un indirizzo testuale, ovvero il nome del dominio, all’IP vero e proprio, ovvero l’indirizzo del serve email.

Nello specifico il record MX permette di individuare il server su cui è ospitata la casella email. La risoluzione dell’indirizzo IP avviene grazie ad un altro record DNS (in genere il record A).

Un record MX si presenta in questo modo:

HostTipoPrioritàServer email
dominioesempio.itMX10mail.dominioesempio.it

Perché avere più di un record MX?

Per un singolo dominio è possibile impostare record MX multipli. Ad ogni record MX può essere attribuito un valore per assegnare una priorità.

Più è basso il valore assegnato, maggiore sarà la priorità. Vediamo subito cosa vuol dire attraverso un esempio.

Prendiamo l’esempio di un dominio esempio.it per il quale vogliamo impostare due record MX:

mail1.esempio.it con priorità 5

mail2.esempio.it con priorità 10.

In questo caso verrà utilizzato con priorità il server mail1.esempio.it. Qualora questo server non fosse disponibile, le email verranno reindirizzate al server mail2.esempio.it.

È anche possibile assegnare la stessa priorità a più di un record MX. In questo caso, se la priorità è identica, verrà scelto uno dei due server in maniera casuale. In pratica i due server condivideranno il carico di lavoro.

Generalmente, inoltre, la priorità viene utilizzata proprio per definire:

  • un server di posta principale, ovvero quello con la priorità più alta e quindi il valore numerico più basso
  • un server di posta di riserva, ossia quello con priorità minore e quindi un valore più alto.

Vediamo cosa succede quando c’è un solo record MX e quindi un solo server di posta e quando, invece, ad un singolo dominio sono associati più server di posta.

Server

Quando un dominio utilizza un solo server di posta, nel momento in cui un’email deve essere recapitata il Mail Transfer Agent (MTA) accederà ai record MX trovando un solo server corrispondente.

In questo caso non c’è bisogno di fare riferimento al numero di priorità, visto che c’è un unico server. Partirà, quindi, subito il tentativo di consegna al server di destinazione indicato.

Nel caso in cui il server di destinazione non fosse raggiungibile, l’email non potrà essere consegnata.

È per questo che entra in gioco l’utilità dell’MX secondario. Veniamo al secondo caso.

Quando l’MTA si ritrova davanti a una serie di record MX differenti dovrà effettuare la consegna in base alla priorità impostata.

Il primo server che si tenterà di raggiungere, sarà, quindi quello con priorità più alta. Se il primo tentativo dovesse fallire, verrà contattato il secondo per ordine di priorità e via così finché la consegna non va a buon fine.

Naturalmente nel caso in cui ci fossero più record MX con lo stessa priorità, ad esempio un MX secondario con la stessa priorità, si procederà a tentare l’invio a questi prima di proseguire con quelli con minore priorità.

Vediamo questo caso con un esempio con questi tre record MX differenti:

mail1.esempio.it con priorità 10

mail2.esempio.it con priorità 10

mail3.esempio.it con priorità 20.

I primi due server hanno la stessa priorità, 10, ovvero la priorità più alta. In questo caso il primo tentativo verrà fatto con il server mail1 o mail2 senza preferenza per l’uno o per l’altro.

Ipotizziamo che il tentativo di invio al server mail1.esempio.it fallisca. Il client, allora, proverà a inviare l’email al server mail2.esempio.it. Se anche questo tentativo dovesse fallire, si procederà con il server mail3.esempio.it.

Email uptime 100%

La presenza di un MX secondario fa sì che i messaggi di posta elettronica possano giungere sempre a destinazione.

Può capitare, infatti, che il server MX primario sia irraggiungibile. Ad esempio il server potrebbe essere disattivato per poter eseguire delle operazioni di manutenzione o ci potrebbe essere un problema all’infrastruttura.

Con un MX secondario si assicura la ridondanza e nessuna email può essere smarrita anche se il server primario non risponde.

In questo caso, infatti, il server secondario riceve i messaggi e li mantiene (anche per più di 10 giorni) finché il server principale non ritorna disponibile. Non appena il server primario torna in funzione le email vengono indirizzate a quest’ultimo.

Svantaggi di un MX secondario

Gli spammer possono prendere di mira nello specifico un server MX secondario. Lo scopo è proprio quello di riuscire a superare i filtri antispam presenti sull’MX primario, assumendo che queste regole non siano applicate sull’MX secondario che tenderà a ricevere tutte le email senza filtrarle.

Spam

Per mitigare questo problema utilizziamo regole proprietarie, in questo modo i tuoi account email non saranno bersagliati dallo spam e potrai godere dei vantaggi dell’MX secondario senza perdere mai nessuna email.

Come usare l’MX secondario

Noi di SupportHost vogliamo che le tue email siano sempre al sicuro. Per questo abbiamo reso disponibile il servizio di MX secondario tutti i piani dall‘hosting condiviso, hosting WordPress e hosting semidedicato fino alle soluzioni dedicate VPS cloud hosting e server dedicati.

Per poter utilizzare il servizio dovrai utilizzare i nostri nameservers:

ns.supporthost.com
ns.supporthost.eu
ns.supporthost.net
ns.supporthost.us

Puoi seguire il nostro tutorial per verificare o modificare i nameservers del tuo dominio.

Usare MX secondario con CloudFlare

Puoi usare il servizio di MX secondario anche se utilizzi CloudFlare. In questo caso hai due possibilità.

La prima, ovvero il metodo più semplice, consiste nell’impostare i nostri nameservers e aspettare che il dominio punti correttamente. Puoi controllare nel nostro tutorial per capire come assicurarti che il puntamento sia corretto.

Dopodiché andando a impostare CloudFlare i record MX secondari saranno importati in automatico.

La seconda alternativa è d’impostare CloudFlare manualmente. Per farlo dovrai aggiungere questi due record oltre al record MX primario (che deve avere priorità inferiore a 30 in questo caso):

Mx Secondari Supporthost Cloudflare

Conclusioni

Come abbiamo visto l’MX secondario ti permette di continuare a ricevere le email anche se il server principale è irraggiungibile. Può capitare che ci sia un guasto o che il server non funzioni momentaneamente per via della manutenzione, qualsiasi cosa succeda le tue email sono al sicuro e non verranno mai smarrite.

Ti ricordo che con SupportHost il servizio di MX secondario è gratuito e disponibile per tutti i piani.

Conoscevi già l’utilità del servizio? Hai mai avuto problemi con la ricezione delle email? Fammi sapere nei commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

crossmenu